GiovaniliSocietà

Ed è SCUDETTO Elite!!!!!

Pubblicato il

Ai Ghosts dominatori della stagione regolare ma due volte sconfitti dal Real Torino nel top round forse non toccava il ruolo di favoritissimi alla vittoria nel secondo weekend di finali nazionali giovanili, quello dedicato alla Final Six della categoria Elite in scena al PalaMercuri di Civitavecchia.
Nessuno deve averlo detto ai ragazzi guidati dai coach Cantele e Cesare Calore che per non sbagliare hanno infilato un percorso di vittorie piuttosto nette con il Progetto Lazio e Cittadella nel girone di qualificazione e nella doppia semifinale con Verona.
Solo la gara di ritorno con Verona ha regalato qualche brivido, non tanto per l’andamento della partita che i Ghosts hanno sempre dato l’impressione di avere in mano quanto per qualche episodio sfortunato che ha permesso a Verona di tenere il risultato sempre in bilico fino al 6 a 5 finale.
Missione compiuta, accesso alla finale conquistato e pronti per l’ennesima sfida contro il solito Real Torino.
Ah no, perché nell’altra semifinale si consuma la vera sorpresa del torneo: Cittadella porta a gara 3 i ragazzi della città della Mole e alla fine si guadagna con merito l’accesso alla partita più importante.
E’ quindi un derby Padova-Cittadella in terra laziale a chiudere le Final Six del campionato ELITE.
La voglia di vincere dei ragazzi di coach Cantele e’ semplicemente commovente, prestazione maiuscola per un 7 a 2 che chiude il campionato eleggendo i Ghosts Elite campioni d’Italia 2018/2019 e capitan Francon miglior giocatore del torneo.
Grazie ai nostri portieroni Mora e Zanda, ai nostri cannonieri Matteo e Daniele, al nostro gigante buono Filippo, agli straripanti Samuele, Matteo e Michele, al saggio Giacomo, al coraggio di misurarsi dei nostri giovanissimi Abde, Andrea, Lorenzo ed Alberto.
Un grazie speciale alla follia buona di Gabriele (e del papa’ che lo ha accompagnato) che, nonostante l’infortunio, e’ voluto essere vicino alla squadra.
Che altro dire, basta altrimenti ci scappa la lacrima, grazie a tutti voi e ai vostri genitori che rendono tutto questo un sogno possibile, oggi realizzato.